Egitto  
HOME STORIA E CULTURA NATURA FARAONI PIRAMIDI ARCHEOLOGIA

La tomba di Tutankhamon

Tutankhamon è stato seppellito in una tomba abbastanza piccola rispetto alla sua importanza. La sua morte è arrivata inaspettata, così la sua seppoltura è avvenuta in una tomba probabilmente destinata a qualcun'altro, nella Valle dei Re, dove la mummia del faraone è custodita ancora oggi.

Tutankhamon sembra essere scomparso dalla coscienza pubblica egiziana in un breve periodo dopo la sua morte. Esso è rimasto praticamente sconosciuto fino al 1922, quando la sua tomba fu scoperta dall'archeologo Howard Carter.

La tomba di Tutankhamon è stata derubata ben due volte nell'antichità, ma in base agli oggetti presi sembra evidente che queste rapine sono state commesse diversi prima della sepoltura definitiva di Tutankhamon.

Con il tempo la posizione esatta della tomba fu persa, essendo sotterrata da scaglie di pietra appartenenti a tombe successive. Negli anni che seguirono, l’ingresso della tomba fu coperta da capanne per i lavoratori, che evidentemente non si immaginavano cosa potesse essere di sotto. Quando alla fine della ventesima dinastia le tombe della Valle dei Re furono completamente smantellate, la tomba di Tutankhamon è stata trascurata, probabilmente per semplice dimenticanza.

I manufatti ritrovati nella sua tomba ci hanno fornito numerosi indizi sulla sua vita quotidiana.

Ingioiellato, avvolto nella toga reale e seduto sul trono con l’uncino e il mazzafrusto reale Tutankhamon probabilmente ha messo soggezione sui sudditi inchinati al suo cospetto, anche se aveva solo nove anni al momento del suo incoronamento.

Dall’esame compiuta sulla sua mummia si nota che da adolescente aveva un’ossatura sottile ed un’altezza di un metro e settantasette centimetri. La corporatura fragile del faraone non si può ricondurre ad una scarsa alimentazione, i cibi presenti nella sua tomba rilevano una nutrizione a base di frutti, cereali e cibi ricchi di proteine.

Dopo l’apertura della tomba di Tutankamon oltre 3000 anni dopo la sua morte, i suoi beni prediletti furono fotografati uno ad uno. Invece di grandiosi imprese, furono rinvenute scene di grande maestria che raffigurarono la felicità domestica e le attività di tempo libero del faraone. Il viso angelico di Tutankhamon è  scolpito nell’oro in numerosi artefatti.

Non abbiamo notizie circa i suoi eventuali meriti accademici, tuttavia, probabilmente iniziò la sua istruzione all’età di quattro anni, imparando presto a leggere e scrivere. Nella tomba furono introdotte un gran numero di strumenti per la scrittura. Infatti, il popolo egizio credeva che nel aldilà il faraone divenisse uno scriba del dio del Sole.

Durante la sua adolescenza, Tutankhamon seguiva attività non molto diverse dai giovani di oggi. Si dedicava a collezioni, amava guidare carri e praticare sport come il nuoto, la caccia e la pesca. Quando morì, il sovrano fu sepolto con numerosi archi e quasi 400 frecce, oltre grandi quantità di mazze, pugnali e boomerang. Erano sepolti anche sei carri, costruiti con legno dorato e decorati con rilievi e intarsi di vetro colorato. Numerosi reperti provenienti dalla sua tomba oggi sono conservati nelle Sale di Tutankhamon del Museo Egizio del Cairo.

Un rituale importante nella vita quotidiana del faraone era l’abbigliamento. La testimonianza che Tutankhamon fosse ben attrezzato per questo dovere è dato dalla gran copia di oggetti rinvenuti nella tomba, tra cui abiti, sandali, collane e gioielli. Sotto l’abituale gonnella al ginocchio, il faraone indossava un perizoma triangolare di lino, legato intorno alla vita. Talvolta il re indossava camiciole decorate con ricami lungo la scollatura. I suoi indumenti ci rivelano le notevoli spese sostenuto per il suo personale: la produzione di una camicia per il faraone richiedeva anche tre mila ore di lavoro.

In una bellissima decorazione con intarsi in avorio possiamo osservare Tutankhamon e la sua unica consorte, Ankhensenamon. La regina, sorridente ed abbigliata con vestiti leggeri, offre un bouquet di fiori di loto al marito che si china verso di lei. Ankhensenamon, terza figlia di Akhenaton e Nefertiti, sposò Tutankhamon, di quattro anni più giovane, al momento della sua incoronazione, quando era ancora bambino. Il loro legame fu fortissimo, anche a causa della tragedia comune dei due figli nati morti.

[ Egitto | Site map | Contatti | Privacy | Copyright ©2014 Egittopercaso.net ]