Egitto  
HOME STORIA E CULTURA NATURA FARAONI PIRAMIDI ARCHEOLOGIA

Il Nilo

Principale corso d'acqua dell'Egitto e il più importante fiume dell'Africa, il Nilo è alimentato da tre affluenti principali: il Nilo Bianco, che nasce dal lago Vittoria, l’Atbara, il più piccolo, che si unisce al fiume in territorio sudanese, e il Nilo Azzurro, che ha origine dal lago Tana e che convoglia le piogge cadute nel lontano altopiano etiopico.

Il corso del Nilo

Da Kartum, dove tutte le acque si incontrano, il fiume prende il nome di Nilo Sahariano o Nilo propriamente detto e si lancia nella sua grande impresa: attraversa la Nubia e, con una serie di sei cateratte, giunge ad Assuan da cui si immette nella sua lunga valle stretta tra i deserti, dove scorre fino al Mediterraneo per 1200 chilometri trasformati in una lunga oasi. Per tutto il corso non riceve altri affluenti; ha invece un defluente, il Bahr Jussuf (Fiume o Canale di Giuseppe, navigabile), che presso Assiut si distacca dalla grande corrente per proseguire parallelo ad essa, sulla sinistra, fino alla depressione del Faiyoum dove si dirama e si perde. A nord del Cairo ha inizio il Delta solcato da molte diramazioni o bocche. Il loro numero è stato diversamente precisato dai geografi antichi: sembra comunque che le principali fossero cinque, chiamate, dal nome delle città adiacenti: Canopo (o Naukratis), Rosetta (o Sais), Sebennito, Mendes e Pelusio.

Egitto: un ''dono del Nilo''?

Grazie al grande fiume, in Egitto la coltivazione della terra conservò sempre una preminenza assoluta e il paese appariva come un unico enorme impianto agricolo, con potenziale produttivo, per l’epoca, altissimo. Infatti le economie dei due Egitti si integravano e agli abitanti conveniva organizzarsi in un’unica comunità, estesa da Assuan al Mediterraneo, sia per meglio sfruttare le piene con opere idrauliche, sia perché, con risorse alimentari più vaste, era più facile fronteggiare situazioni di emergenza, come il perdurare da un anno all’altro della scarsità d’acqua. Dal Nilo dipendevano anche la ricca flora spontanea e la numerosa fauna, e quindi la caccia e la pesca. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la grande inondazione del fiume che gli dei benefici concedevano al paese con la regolarità di un prodigio naturale. Ecco perché lo storico greco Erodoto definì efficacemente l’Egitto "dono del Nilo", anche se l’affermazione è falsa ove minimizza il lavoro umano.

Le opere di irrigazione

Sin dai tempi più antichi, il potere centrale coordinava la realizzazione e la manutenzione della rete di canali che consentiva di sfruttare le piene del Nilo. Uno dei mezzi più semplici per rendere fertile un terreno era la creazione di un bacino artificiale. Attorno a una zona raggiungibile dalle acque del Nilo in piena si costruiva un grande argine quadrato di terra di circa due chilometri di lato. Quando la piena, che innalzava il livello delle acque di circa sei metri, arrivava a riempire il bacino, l’uscita dell’acqua veniva bloccata con delle chiuse ed, in questo modo, il limo si depositava in grande quantità sul terreno recintato. Dopo circa un mese, quando il suolo era ormai saturo, l’acqua veniva fatta defluire in bacini di livello minore e infine nuovamente convogliata al Nilo. Una efficiente rete di canali raggiungeva i terreni distanti dal fiume, che le acque di piena non erano riuscite a coprire. Squadre di agrimensori stabilivano l'orientamento dei fossati e ne segnavano il tracciato sul terreno per mezzo di paletti e corde. Essi inoltre delimitavano gli appezzamenti di terreno dati in uso ad ogni bracciante e ne ridefinivano i confini dopo le inondazioni.

La navigazione

Da Settembre a Maggio si organizzano dei viaggi sul Nilo in Feluca. L’itinerario classico inizia ad Assuan e termina a Luxor. Sarebbe molto più difficile fare il viaggio nella direzione contraria, perché la feluche si muovono a vela e andando verso sud nella direzione contraria devono risalire la corrente diventando molto più lente.

Nel passato invece, il Nilo costituiva la più importante via di comunicazione dell’Egitto. La profondità delle acque e le brezze costanti, provenienti dal Mediterraneo, rendevano infatti possibile la navigazione in tutte le stagioni. Le pitture e i rilievi consentono di ricostruire l'evoluzione delle imbarcazioni. I battelli che solcavano il Nilo erano semplici chiatte, fatte di papiro intrecciato oppure di legno d'acacia o sicomoro. Per le imbarcazioni destinate al trasporto di merci pesanti, come la pietra da costruzione, si usava invece il legno di cedro importato dal Libano.

Caratteristica è la forma incurvata di queste imbarcazioni, con poppa e prua sollevate rispetto al pelo dell'acqua. Una grande vela issata al centro aiutava il lavoro dei rematori. Il timoniere manovrava un lungo remo fissato a poppa per dare la direzione e per sondare il fondale. I battelli per la navigazione da diporto avevano al centro una cabina per i passeggeri, mentre le navi adibite alle processioni o ai funerali avevano al centro un'edicola per ospitare la statua del dio o il sarcofago. Già a partire dall'Antico Regno, gli egiziani praticavano anche la navigazione d'alto mare. Attraversavano il Mediterraneo diretti soprattutto verso la Fenicia e si spingevano nel Mar Rosso. Durante il regno di Necho, intorno al 600 a.C., navi egiziane compirono anche il periplo dell'Africa.

Scheda tecnica del Nilo

Il Nilo è il fiume più lungo del nostro pianeta, con una lunghezza totale di 6671 Km. Nasce nell' Altopiano del Burundi, con il nome di Nilo Kagera (precisamente da uno dei suoi rami superiori, il Luvironza).

Dopo un breve tratto nel Burundi il fiume entra in Tanzania, successivamente in Rwanda, Uganda e Sudan. Poco prima di entrare in Egitto il fiume si allarga per formare il lago artificiale Nasser, nato con la costruzione della Diga di Assuan, per poi attraversare l'intero Egitto e riversarsi con il delta del Nilo nel Mar Mediterraneo.

  • Lunghezza del Nilo: 6.671 Km
  • Bacino: 2.867.000 Km²
  • Sorgente del Nilo: Colline Kikizi, Altopiano del Burundi, Foce: Mar Mediterraneo
  • Affluenti: Nilo delle Gazzelle, Subat, Nilo Azzurro, Atbarah
  • Stati attraversati: Burundi, Tanzania, Ruanda, Uganda, Sudan, Egitto

[ Egitto | Site map | Contatti | Privacy | Copyright ©2014 Egittopercaso.net ]