Il Delta del Nilo

Il Delta del Nilo un enorme triangolo verde che si apre a ventaglio nel deserto tra i due rami principali. Vi ebbero sede molte dinastie di faraoni ma, a parte le rovine di Bubastis e Tanis, la maggior parte dei siti sono scomparsi da tempo. Le località della costa settentrionale sono visitate da egiziani in cerca di sollievo dalla calura estiva.

Il Delta, la regione più fertile e più popolata dell'Egitto, produce gran parte dei raccolti del paese, dando un apporto essenziale per la manutenzione della popolazione in continua crescita.

Alessandria

La nuova bibilioteca di AlessandriaI turisti del Basso Egitto, come viene chiamato il nord del paese, in gran parte vanno subito ad Alessandria, seconda città dell'Egitto e richiamo principale della regione con il suo clima mite, le sue belle spiagge e una ricca storia legata tra l'altro, al regno di Cleopatra. Da non perdere la sua nuova libreria, costruita sulle rovine dell'antica libreira di Alessandira distrutta nel 400 a.C.

 

Rosetta e Damietta

Sulla riva del NiloLe due città sugli estuari, Rosetta e Damietta, erano fiorenti fino a quando il Nilo è stato navigabile. Importanti centri commerciali tra l'Egitto e le Repubbliche Marinare italiane, la loro grandiosità è tuttora testimoniata dalle raffinate case di epoca ottomana. Il ritrovamento della famosa stele che ne porta il suo nome ha fatto di Rosetta una delle mete più visitate dagli appassionati di egittologia.

Port Said e Suez

Port SaidPer creare l'ingresso dal Mediterraneo al Canale di Suez, Egitto ha visto la nascita di due nuovi porti, Port Said e Suez. Entrambe hanno sofferto durante le guerre contro Israele nel secolo scorso, nel corso delle quali il canale è stato un obiettivo strategico essenziale. Suez esteticamente non si è mai ripresa, d’allora, Port Said invece merita una visita per l’architettura della zona del porto. Ai turisti interessati al canale è consigliato di recarsi a Ismailia.

Zagazig

La Moschea di ZagazigEdificata due secoli fa come avanposto per alloggiare gli operai che lavoravano sulle dighe del Nilo, Zagazig oggi ospita un museo con i reperti archeologici trovati nella zona. E' punto di partenza per visitare due delle città firoenti nell'epoca faraonica, Bubastis a sud-est, capitale durante la XXII dinastia e, a nord-est, Tanis, una delle maggiori città del Delta e capitale dell'antico Egitto durante la XXI dinastia.


I laghi nel nord-est del Delta del Nilo attirano una strabiliante varietà di uccelli, specie in inverno durante la migrazione annuale verso sud. In quanto cuore rurale del paese, l'area merita senz'altro una visita, non soltanto per le sue ricchezze storiche ed archeologiche, ma anche per il suo coinvolgente panorama, animata da bufali che arano i campi e da muli che tirano carri, mentre qua e là spuntano capanne di fango.

Come muoversi nel Delta del Nilo

Per visitare Alessandria è opportuno arrivare in aereo. Alessandria ha un aeroporto internazionale, con voli quotidiani da e per Il Cairo. I due importanti centri urbani sono ovviamente collegati anche via treno, ed è facile viaggiare in auto e autobus sulle strade che attraversano il desetto.

Altre città del Delta sono raggiungibili in autobus, taxi e treno. La strada costiera fino al confine libico è servita da autobus, mentre è un po' lento il collegamento ferroviario tra Alessandria e Marsa Matruh, dove c'è anche un aeroporto per voli interni.