Bubastis

Capitale del Basso Egitto durante il periodo libico. circa 1000 anni a.C., Bubasti è una piccola area archeologica alla periferia di Zagazig, rinomata per il tempio dedicato a Bastet, o Bast, la dea Gatta.

La città fu destinazione di migliaia di pellegrini che si raccoglievano annualmente per la celebrazione della dea in una delle più importanti festività egizie. Erodoto racconta nei suoi scritti che i partecipanti si davano in questa occasione agli eccessi, bevendo più vino in quei giorni che durante tutto il resto dell'anno.

Tempio di BasetDall’antica città, del nome locale Tell Basta (Collina di Basta), oggi ne resta ben poco. I suoi vestigi si limitano ad una modesta collina piena di erbacce, disseminata di numerosi blocchi di granito scolpiti e setacciata di vecchi pozzi archeologici. Anche se durante i recenti lavori di riabilitazione dell’area alcune delle colonne siano state rialzate, è molto difficile farsi un'idea della struttura originaria del sito.

Oltre il tempio di Baset, un attrattiva ricorrente dei visitatori è il “cimitero dei gatti”, situato sulla strada che porta verso Zagazig. Il cimitero è formato di una serie di gallerie sotterranee oggi accessibili anche al pubblico. Durante la loro scoperta, verso la metà del secolo scorso, sono stati ritrovati circa 400 mummie umane e innumerevoli gatti imbalsamati con grande cura.

Un'altra curiosità di Bubasti è il suo pozzo sacro, risalente secondo i cristiani copti del luogo all’epoca della Sacra Famiglia che si narra di essersi fermata qui durante la fuga in Egitto. Ancora oggi, al pozzo gli si attribuiscono particolari virtù miracolose. Allo scopo di poter concepire, le donne raccolgono dell’acqua dal pozzo in un recipiente di argilla, che poi romperanno sulla statua di Bastet che si erge nelle vicinanze.

Zagazig si trova a 80 km dal Cairo ed è facilmente raggiungibile con il pullman. Dopo averlo visto potete prendere un taxi per visitare anche il vicino sito di Tanis.